IamNotFreud
Paolo Assandri
0  /  100
keyboard_arrow_up
keyboard_arrow_down
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Pratiche di Mindfulness

Meditazione non vuol dire estraniarsi dal mondo. Significa vedere le cose chiaramente e assumere deliberatamente posizioni diverse rispetto a esse.

Jon Kabat-Zinn

Nonostante le pratiche di Mindfulness trovino le proprie origini nella meditazione buddhista di Vipassana, il loro obiettivo non è la trascendenza o l’illuminazione, ma la possibilità di praticare la Mindfulness ovvero la capacità di prestare attenzione al momento presente, al qui e ora, in modo intenzionale e non giudicante. 

Quali sono i benefici delle pratiche di Mindfulness?

Le pratiche di Mindfulness permettono di osservare in maniera distaccata i pensieri, evitando che possano influire inconsapevolmente e negativamente sulla nostra vita.

Grazie al lavoro di Jon Kabat-Zin e a numerosi studi scientifici, si è scoperto che questo tipo di pratiche possono essere molto efficaci per promuovere il benessere psico-fisico. Infatti, è stato provato che:

  • Incrementano il senso di benessere
  • Migliorano sensibilmente la capacità di gestire lo stress e di tollerare l’ansia.
  • Migliorano la concentrazione
  • Rinforzano il sistema immunitario 
  • Riducono la pressione arteriosa
  • Diminuiscono la sensibilità al dolore

Ma questi sono solo alcuni dei benefici che derivano dal loro utilizzo.

Come si svolgono le pratiche di Mindfulness?

Durante queste pratiche vengono usate semplici tecniche di meditazione, tra cui il body scan, la meditazione sul respiro e la meditazione sulla gentilezza amorevole – loving kindness (metta), la meditazione camminata.

L'obiettivo di queste tecniche è quello di rafforzare la capacità di vivere pienamente il presente e di guardare a se stessi e al mondo con accettazione e con gentilezza.

Nel mio lavoro di psicologo, psicoterapeuta e coach cerco di integrare in modo organico questo tipo di pratiche nel mio lavoro con i clienti con l’obiettivo di invitarli a scoprire e rafforzare la loro capacità di essere accoglienti e rispettosi nei loro confronti e nei confronti delle loro esperienze.